Aria Sottile – case di montagna da sogno

Home Private Interior Aria Sottile – case di montagna da sogno

Mi avvalgo ancora una volta dei titoli di Jon Krakauer, questa volta per parlare di montagna. Perché l’estate non è solo mare e spiaggia, ma è anche fatta di escursioni, boschi e marmellate. In questo articolo voglio raccontarvi di alcune case, un po’ anticonvenzionali, che si trovano lungo vallate e in alta quota, ben progettate e molto chic. Baite di design insomma.

Incominciamo con un’unità residenziale a servizio dell’albergo diffuso di Paluzza (Udine), progettata dagli architetti Ceschia e Mentil. L’obiettivo è stato quello di conservare un’immagine autentica del paesaggio costruito alpino, che dialogasse con la natura e le architetture preesistenti. Questa piccola costruzione, esternamente rivestita da un tavolato di larice non trattato, racchiude all’interno una geografia domestica intimamente legata alla morfologia del sito. Grandi finestre si aprono sul paesaggio, interrompendo la boiserie; piccole alcove diventano giacigli dove dormire e nicchie dove conversare, lasciando la cucina open space. Davvero unica.

Foto: Alessandra Chemollo

Proseguiamo con una casa total black realizzata da Tomislav Soldo sull’altopiano di Gorski Kotar, remota regione della Croazia. Si tratta di un piccolo rifugio che integra natura e abitare contemporaneo. Il progetto si misura su un open space che raccoglie la zona living, la cucina e il blocco dei servizi al piano terreno, mentre il soppalco ospita la zona notte, illuminata da un bow window tra le falde della copertura. Lo spazio permette una comunicazione diretta tra la cucina outdoor e quella indoor. L’effetto total black è dato dagli strati di catrame che rivestono assi di larice siberiano, utilizzato per garantirne una maggiore resistenza agli agenti atmosferici. Al contrario gli interni sono white, con elementi molto minimal ed arredi in muratura realizzati su misura.

Foto: Jure Živković

Infine vediamo una casa di montagna estremamente particolare ed insolita, progettata dal designer francese Noé Duchaufour-Lawrance sulle alpi francesi a St. Martin de Belleville. Non parliamo proprio di una baita, bensì di un’abitazione di 530 mq sviluppata su tre piani con piscina al coperto. Lo chalet d’ispirazione organica è caratterizzato da arredi dalle forme morbide e curvilinee e da rivestimenti fatti su misura. I materiali utilizzati sono la pietra locale, il corian, il calcestruzzo e pannelli in abete grigio invecchiato. Centro della composizione è l’ampio living a pianta libera, dominato da un camino a forma di tronco rivestito in cemento e illuminato da grandi vetrate panoramiche. L’interior è caldo ma moderno e affianca a tipici elementi custom made iconici arredi di design, come la poltroncina Slow chair dei fratelli Bouroullec per Vitra o la Bubble chair sospesa di Eero Aarnio. Molto chic!

Foto: Patrick Smith

E a voi piacciono le baite di design? Se quest’estate andate in montagna e ne trovate qualcuna dispersa tra le valli mandateci foto e commenti nel nostro angolino Facebook.

Elena Magnani

Elena Magnani

Mi sono laureata in Architettura al Politecnico di Milano, e da allora ho lavorato in alcuni studi di progettazione in Italia e all’estero. Nell’interior design ho trovato la mia vera passione e ispirazione che mi ha portata a svolgere differenti esperienze lavorative in aziende del settore in qualità di consultant e A&D. Adoro viaggiare, scrivere e in generale sognare ad occhi aperti.

Private Interior

Illuminating [Colore del mese]

Come anticipato qualche settimana fa, per rappresentare il 2021 Pantone ha selezionato due colori, uno di ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

Case da maschi: come arrederebbe un uomo?

Si è conclusa due settimane fa la Milano Fashion Week men’s Fall/Winter 2021/2022, in ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

Modern [Stile del mese]

Chiariamo subito un concetto: progettare un interior in stile moderno non significa comporre e ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo