DOMUS 4.0

Home Cabinet of Curiosities DOMUS 4.0

l’abitare nell’era digitale

Interno, notte: due ragazzi abbracciati sul divano del salotto, conosciutisi poche ore prima su Tinder, intenti a guardare Netflix collegato alla smart tv, mangiucchiando di tanto in tanto la pizza ormai fredda e quasi finita, ordinata su una delle tante applicazioni per smartphone.

Sembra un cliché, e invece è ciò che accade quasi ogni sera nei tanti appartamenti (spesso condivisi) delle metropoli nostrane.
La vita domestica è cambiata, non perché qualcuno ha deciso che dovesse cambiare. Ma perché noi, e quindi i nostri bisogni, siamo cambiati.

Non vogliamo più scegliere, come recitava la pubblicità di una nota compagnia telefonica, e quindi abbiamo deciso di avere tutto. Dal sesso, al cibo, all’intrattenimento.
La vita, insomma.

La casa del futuro – che è già presente – è iperconnessa e immersiva, ma meno personale. Lo sconosciuto che varca l’uscio si appropria per prima cosa del wi-fi, che l’anfitrione solertemente gli confida al più presto. Galateo digitale.
E lo stesso sconosciuto si muove agile tra i device domestici, servendosi di volta in volta di ciò che più gli serve.

La casa, come il prodotto, sta diventando forse una commodity. Un servizio in scala, da bancone; quel che conta ormai è l’esperienza che dentro le quattro mura si può provare. Dagli schermi in 3D ai nuovi assistenti artificiali di Amazon e Google. Che prenotano il parrucchiere al posto tuo – senza che la persona all’altro capo del telefono si accorga di nulla.

Provocazioni, certo. Ma fino a che punto?
O meglio: fino a quando? Probabilmente, leggendo queste righe tra due lustri, sorrideremo sarcastici per la poca lungimiranza profusa.

Il futuro lo costruiamo hic et nunc e in ogni istante: sul nostro letto spulciando articoli; qui sulla scrivania a scrivere contenuti digitali traendo ispirazione dal dio musicale Spotify.

I rischi esistono, come i privilegi. Stiamo diventando bolle telematiche ambulanti – vere isole solipsiste, che si nutrono della propria vanità. Ma paradossalmente la sete di interazione è ancora forte e forse ancor più grande di prima. Pensiamoci e preserviamola.

Il giusto mezzo, soprattutto ora, deve essere la stella polare di noi fortunati utenti dei nuovi paradisi artificiali.

Foto dell'autore

Alessandro Isidoro Re

Cabinet of Curiosities

Charlotte Perriand

Mancano una manciata di giorni alla chiusura della mostra dedicata a Charlotte Perriand in ...

Samantha Oliva

Leggi l'articolo

Partiamo dai fondamentali: i Colori

Tra tutti gli elementi presenti in un ambiente domestico, il colore è quello che ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

6 Libri di Design come regalo

Se sei in difficoltà con gli ultimi regali di Natale, perchè non scegliere un ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo