Natural Tech – spazi di lavoro green

Home Public Interior Natural Tech – spazi di lavoro green

Il verde in ufficio aumenta la produttività? Sembrerebbe di sì, pertanto molte aziende innovative e all’avanguardia hanno riprogettato i propri ambienti  inserendovi elementi green. Difatti un nuovo trend sta portando l’infrastruttura arborescente dentro lo spazio di lavoro, creando una sinergia sempre più stretta tra tecnologia digitale e mondo naturale. Lontani sono ormai gli uffici degli anni Ottanta, composti da stretti cubicoli e dominati da un’estetica modernista, con desktop e telefoni fissi in primo piano. Pertanto gli architetti contemporanei, nell’obiettivo di coniugare tutela dell’ambiente e produrre un’habitat lavorativo più confortevole, sperimentano nuove soluzioni progettuali in cui il verde diventa parte integrante del complesso edilizio.

The Seattle Spheres

Foto di Jordan Stead

Foto di Stuart Isett

All’interno dell’headquarter di Seattle Amazon ha realizzato The Seattle Spheres: tre grandi cupole di vetro con oltre 40.000 piante di 400 specie provenienti da tutto il mondo, dove i dipendenti possono pensare, creare e lavorare in modo diverso circondati da piante. Progettato dallo studio di architettura NBBJ, The Spheres si compone di ambienti di lavoro dinamici e polifunzionali, con sale riunioni costruite sugli alberi, raggiungibili da scale e passerelle che passano attraverso le cascate. Jeff Bezos (Amazon CEO) ha deciso di lasciare la propria sede all’interno del contesto urbano, dando vita così ad un campus diffuso, con diversi edifici visitabili anche grazie ad una guida scaricabile da Audibles. La sede dell’azienda è diventa di conseguenza anche una meta turistica.

MPK 21

Via facebook.com

 È l’ultima architettura arrivata nel campus Facebook di Menlo Park, a Palo Alto. Progettata da Frank Gehry si tratta di un edificio sostenibile, con un grande tetto verde che ospita oltre 200 alberi, che si connette al primo edificio MPK20 attraverso un giardino interrato, chiamato The Bowl, ombreggiato da numerose sequoie e pieno di sedute ed aree relax a disposizione dei dipendenti. All’interno del nuovo MPK21 lo spazio di lavoro è principalmente open space, con uno stile Raw Chic che fa ampio uso di materiali puliti, vivaci, invecchiati e non finiti, traducendo in architettura l’idea casual friendly che da sempre contraddistingue il social network.

Apple Store Cotai Central

Foto di Nigel Young

Un’oasi di tranquillità deve essere il nuovo Apple Store di Macao secondo i progettisti dello studio Foster&Partners. A tale scopo sono state inserite alte fioriere di bambù che dovrebbero dare ai clienti l’impressione di isolarsi dal caos cittadino. Al piano terra i muri della facciata sono in vetro e si opacizzano salendo l’altezza, conferendo alla facciata un aspetto ispirato alle lanterne decorative in carta tradizionali cinesi. Il verde rimane l’elemento centrale dell’intero progetto: il design crea due spazi distinti, uno interno e uno esterno, intriso di un senso di bellezza autentica derivante dall’uso innovativo di materiali naturali, afferma Stefan Behling, responsabile dello studio di Foster&Partners.

La presenza di elementi naturali all’interno di uffici sta diventando un fenomeno sempre più diffuso e pervasivo che la società torinese Nextatlas ha creato un trend chiamato Natural Tech: con ciò si vuole riconoscere l’importanza del dato naturale all’interno di spazi altamente digitalizzati e far sì che questo diventi una nuova chiave di progettazione architettonica, sia dal punto di vista funzionale che estetico. Il connubio natura e persone difatti non solo rispecchia i principi di biofilia, ma riduce lo stress, aumenta l’attenzione e migliora il livello di comfort e benessere.

In copertina The Seattle Spheres

Elena Magnani

Elena Magnani

Mi sono laureata in Architettura al Politecnico di Milano, e da allora ho lavorato in alcuni studi di progettazione in Italia e all’estero. Nell’interior design ho trovato la mia vera passione e ispirazione che mi ha portata a svolgere differenti esperienze lavorative in aziende del settore in qualità di consultant e A&D. Adoro viaggiare, scrivere e in generale sognare ad occhi aperti.

Public Interior

L’altra Frida

C’è un’altra Frida ad entrare negli annali di storia, in questo caso dell’architettura. Si ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

Esotiche evasioni

Di tanto in tanto si risveglia in noi la voglia di scappare, di spingersi ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

KartellArt

La scorsa settimana sono stata alla mostra inedita The art side of Kartell a cura di Ferruccio ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo