Design al cinema: le Rockstar dell’iconicità

Home Home Decor Design al cinema: le Rockstar dell’iconicità

Oggi vogliamo parlare del magico connubio tra il mondo del design e l’universo cinematografico. Quante volte, immergendoci in un film, la nostra attenzione si orienta spontaneamente verso la trama, i costumi, le colonne sonore e verso quella serie di elementi che spesso si contendono i riflettori per la candidatura di prestigiosi premi come l’Oscar, il Golden Globe o il Leone d’Oro di Venezia? Senza accorgercene, trascuriamo il ruolo, spesso cruciale, di dettagli e oggetti che invece passano inosservati e che concorrono alla costruzione dell’intera scenografia cinematografica.

Si tratta di quegli elementi che, ruotando intorno i protagonisti, assumono una posizione centrale all’interno della trama e contribuiscono in modo significativo alla narrazione; diventano una proiezione dei personaggi e del contesto, offrendo un contributo significativo alla trama e all’esperienza visiva nel suo complesso. 

Nulla viene lasciato al caso; al contrario, ogni elemento fornisce sottili indizi sullo scenario, trasformandosi paradossalmente in icone culturali riconoscibili al di là del contesto specifico del film. Basti pensare alla DeLorean di “Ritorno al Futuro”, alle spade laser di “Star Wars” o alla valigetta d’oro di “Pulp Fiction”; sono tutte componenti che vanno oltre la loro funzione pratica e che invece si trasformano in strumenti ricchi di significato, arricchendo l’esperienza coinvolgente dello spettatore.

La scena stessa gioca dunque un ruolo cruciale nella trasmissione di emozioni, e la professione dello scenografo, che sia nel campo teatrale o in quello cinematografico, può essere perfettamente equiparata al lavoro dell’interior designer; i due mondi infatti convergono nel definire un taglio e un significato narrativo più profondi, immortalando l’essenza di una storia. 

Lampada Arco – Achille e Pier Giacomo Castiglioni per Flos – Iron Man (2008)

In precedenza abbiamo già esplorato un tema simile nel nostro articolo Case da supereroi, esplorando il rapporto tra struttura architettonica e natura, addentrandoci poi nel cuore delle abitazioni per scovare quei pezzi di arredo oggi facilmente riconoscibili.

L’integrazione del design nel cinema non solo rende il film visivamente più accattivante, ma contribuisce in modo sostanziale anche alla comprensione e all’immersione del pubblico nell’universo narrativo. La sinergia tra queste due discipline crea un’esperienza cinematografica completa e coinvolgente.

Ogni elemento, ogni sfumatura di colore e ogni tratto architettonico diventano tessere di un mosaico narrativo, trasformando il semplice atto di guardare un film in un’esperienza avvolgente e immersiva. È in queste sfumature nascoste che il design rivela la sua forza silenziosa, plasmando mondi che vanno al di là delle parole e rendendo ogni inquadratura un viaggio in un universo di significati sottili e imperscrutabili.

Qualche esempio?

007 – Una cascata di diamanti – Guy Hamilton (1971)

Poltrona Up – Gaetano Pesce per B&B

Pulp Fiction – Quentin Tarantino (1994)

Lampada Akari UF4-L8 – Isamu Noguchi per Vitra

Men in Black – Barry Sonnenfeld (1997)

Tavolino Tulip – Eero Saarinen per Knoll

Zoolander – Ben Stiller (2001)

Poltrona Egg – Harne Jacobsen per Fritz Hansen

Il Diavolo veste Prada – David Frankel (2006)

Sedia Bertoia – Harry Bertoia per Knoll

Blade Runner 2049 – Denis Villeneuve (2017)

Lampada E63 – Umberto Riva per Tacchini

The House of Gucci – Ridley Scott (2021)

Sedia Eames – Charles & Ray Eames per Vitra

In ogni pellicola, l’arte del design si svela come un linguaggio segreto, intessuto tra le pieghe visive e sensoriali del film, regalando al pubblico la magia di scoprire storie non solo attraverso gli occhi, ma anche attraverso l’anima.

Sonia Santoro

Sonia Santoro

Mi son laureata in Interior Design presso il Politecnico di Milano. Dopo un anno “sabbatico” in cui ho seguito dei corsi di architettura, ho deciso di proseguire gli studi e specializzarmi in scenografia teatrale, presso l’accademia di belle arti di Brera. I miei studi poliedrici mi hanno permesso di avvicinarmi al mondo degli allestimenti e del design. Anima nerd, creativa e curiosa, cammino sempre col naso all’insù in cerca di nuove ispirazioni.

Home Decor

Namasté – yoga in casa

In un mondo che corre sempre più veloce, in una civiltà che ci impone ...

Samantha Oliva

Leggi l'articolo

Extra Spazi

Una dura realtà: le case non si allargano. E ce ne siamo accorti sempre ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

Di seta e di organza

Arriva la primavera e di conseguenza la voglia di cambiamento. Un modo semplice, rapido ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo