Kudadhoo – resort da sogno

Home Public Interior Kudadhoo – resort da sogno

Ovvero un resort galleggiante completamente alimentato a energia solare nell’atollo privato di Lhaviani, alle isole Maldive. Progettato dallo studio newyorkese Yuji Yamazaki Architecture il villaggio Kudadhoo Maldives Private Island è un esempio di turismo sostenibile, a zero emissioni e con pannelli fotovoltaici orgogliosamente a vista.

Si tratta infatti di una boutique hotel da 15 stanze, costruita su due livelli, sapientemente pensata per lasciar trasparire nel corso delle ore diurne la luce solare in quasi tutti gli ambienti. La struttura e la forma geometrica difatti sono progettate per massimizzare la resa dei pannelli e per minimizzare il fabbisogno energetico. Le aperture sono state disposte su pareti opposte per favorire l’aerazione naturale e consentire una vista panoramica a 360 gradi. Tetti a sbalzo, ombrelloni, tettoie e un sistema di schermatura in legno chiamato egg crate garantiscono ombreggiamento e la giusta privacy. La vegetazione è autoctona ed è stata mantenuta inalterata, posizionando le palafitte direttamente sulla sabbia. Perfetto per una fuga romantica in pieno inverno.

Tutte le foto via yyany.com

Elena Magnani

Elena Magnani

Mi sono laureata in Architettura al Politecnico di Milano, e da allora ho lavorato in alcuni studi di progettazione in Italia e all’estero. Nell’interior design ho trovato la mia vera passione e ispirazione che mi ha portata a svolgere differenti esperienze lavorative in aziende del settore in qualità di consultant e A&D. Adoro viaggiare, scrivere e in generale sognare ad occhi aperti.

Public Interior

I ragazzi sono ancora in giro…

Il tour per il Fuorisalone continua e quest’anno arriva anche a NoLo, nel quartiere ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

Castelli da favola

Eh sì, siamo ancora incantati dalla favola contemporanea a cui abbiamo assistito (volenti o ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

Best of Arch2018

Ed eccoci nel 2019, nuovo anno, nuovi progetti (d’architettura e non solo). Ed è ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo