Come saranno gli spazi di lavoro del futuro?

Home Public Interior Come saranno gli spazi di lavoro del futuro?

Come saranno gli spazi di lavoro del futuro? Un mondo tutto in trasformazione, così come le richieste e le necessità dei lavoratori. Cambia dal punto di vista fisico, poiché dagli uffici tradizionali il lavoro si trasferisce a casa o in ambienti co-working. Cambia la modalità operativa, frammentando gli orari fissi e distribuendo le ore di lavoro in un arco temporale più flessibile. Cambiano gli strumenti che usiamo per lavorare: non più solo laptop, ma anche tablet e smartphone, si lavora da soli o in gruppi virtuali e si fanno riunioni in sale digitali. E’ una rivoluzione tecnologica, ma anche culturale ed ecologica, sostiene Francesco Morace, sociologo fondatore di Future Concept Lab. In quest’ottica il luogo di lavoro diventerà un luogo di relazione e di identità, dove la socializzazione sarà centrale nel processo di team building e produttività, nel giusto mix phygital. Secondo Michele de Lucchi bisogna pensare all’ufficio come ad una palestra attrezzata per allenare la mente, uno spazio dove generare nuove idee; per questo ha immaginato gli spazi di lavoro ed intrattenimento come architetture multifunzionali chiamate Earth Station Interactors (presentate attraverso l’installazione Connecting Experiences durante il Salone del Mobile 2019 presso il Flagship Store Poltrona Frau di Milano). L’ufficio di domani sarà uno spazio dunque socievole e attrattivo. Con queste premesse, tre sono le tipologie di uffici del futuro.

Home Office

Uffici di piccole o medie dimensioni, strutturati in base ad un modello domestico. Accoglienti, dotati di aree relax e spazi d’incontro e conversazione, con arredi intimi e conviviali, tale per cui ci sembrerà di lavorare stando a casa.

Habita coworking, Istanbul – Pab Mimarlik

Catellani & Smith, Villa di Serio (BG) – Studio Rocchi Architettura

Cluster Office

Uffici di grandi dimensioni, dalla multinazionale alla start-up, caratterizzati da open space scanditi da tende, pareti vetrate, piattaforme, gradinate e box.

The Core, CBRE Office, Amsterdam

Le Monde Headquarter, Parigi – Snohetta

Green Office

Dove la presenza del verde è parte integrante del progetto d’architettura. Il verde è un elemento funzionale, decorativo e di distribuzione e organizzazione degli spazi, nell’obiettivo di coniugare tutela dell’ambiente, produrre un’habitat lavorativo più confortevole e creare una sinergia sempre più stretta tra tecnologia digitale e mondo naturale. Il verde che, come spiego nel post Natural Tech, contribuisce all’ossigenazione dell’aria, riduce lo stress, aumenta l’attenzione e migliora il livello di comfort e benessere psicofisico.

Sky Forest, Tokyo – Nendo

PSLab, Londra – James Plumb

In copertina Tunnel negli Alberi, Selgascano Office, Madrid

Elena Magnani

Elena Magnani

Mi sono laureata in Architettura al Politecnico di Milano, e da allora ho lavorato in alcuni studi di progettazione in Italia e all’estero. Nell’interior design ho trovato la mia vera passione e ispirazione che mi ha portata a svolgere differenti esperienze lavorative in aziende del settore in qualità di consultant e A&D. Adoro viaggiare, scrivere e in generale sognare ad occhi aperti.

Public Interior

Natural Tech – spazi di lavoro green

Il verde in ufficio aumenta la produttività? Sembrerebbe di sì, pertanto molte aziende innovative ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

Le architetture più attese del 2022

È impossibile disimpegnarsi dall’architettura. Anche nell’ambiente più rurale, strutture e design ci circondano e danno ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo

Space Hotel

Siamo sempre pronti e ben entusiasti nel pianificare viaggi, talvolta anche negli angoli più ...

Elena Magnani

Leggi l'articolo